Un tumore logora sia il malato sia chi gli sta intorno

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Avatar utente
Max60
Membro
Messaggi: 132
Iscritto il: ven 5 set 2014, 17:45

Re: Un tumore logora sia il malato sia chi gli sta intorno

Messaggio da Max60 »

Erika76 ha scritto:..........................................................................................................................................................................................................................Max, tu sei come Dani, un guerriero e lotti per chi ami, proprio come ha fatto lui. Ci sono stati momenti in cui tutto era di troppo, ma altri in cui con Lollo vicino, Dani gli sussurrava quanto lo amasse. Questo è il cancro. Ma tu Max, hai davanti ancora tanto tanto amore e una cena che ti aspetta tra 20 anni. La sua malattia era diversa, gravissima, fin da subito. Credo che anche questo cambi e modifichi la percezione della vita. Lui sapeva quanto tempo gli restava, eppure l'ha vissuto, con alti e bassi, in modo normale e quella normalità Max, che è la stessa tua, fa di lui un eroe. E per me tu sei altrettanto speciale perché in pochi parlano, ma questa tua prospettiva mi aiuta a capire quella che fu di Dani e non sai quanto mi fa bene, perché mille domande albergano nella mente di resta e tu mi stai rispondendo e per questo ti dico, grazie Massimo!
:arrow:

Cara Erika,
leggendoti ti sento quasi come una sorella maggiore,
come lo era la mia sorellona Simonetta sconfitta dal cancro ,
quando si comincia a invecchiare una sorella maggiore la si ascolta ben volentieri e con attenzione.
Cosa posso scriverti,
ben poca cosa,
solo domande di aiuto ad andare avanti per me e per chi ti legge,

lo sò che rispetto al tuo Dani io ho un tumore che teoricamente se non galoppa tutto a un tratto mi dovrebbe permettere di avere ancora da vivere ,
contando su cartucce da sparargli contro ,
intervento chirurgico , e questo già fatto e cartuccia sparata
radioterapia , e anche questa cartuccia a breve probabilmente la dovrò sparare,
poi restano l’ormoneterapia e la chemioterapia , di queste non sò suddivise in quante cartucce
ma in certi momenti mi viene di pensare che le cartucce cominceranno a scarseggiare e alla lunga termineranno e allora “dopo” ?

Al “dopo” ci penserò quando ci arriverò se malauguratamente arriverò a un ” dopo” ,
ma non tutti i giorni ci riesco,

e niente ,cerco di pensare ad altro,
e altro è l’AMORE ,
per la mia FAMIGLIA,
e per quanti soffrono ,sia per mancanza di salute ,
per mancanza di lavoro e tutto quanto non fa sentire realizzato e/o felice una persona,

e altro
è anche l’AMORE che ricevo ,
e questo mi dà tanta tanta forza e voglia di vivere ,
continuare a farmi il programma della giornata di oggi e del domani
e cercare di portarlo a compimento.

Cara Erika , quando leggo storie la tua come quella di altre donne
che avete perduto il vostro amato
e avete figli da portare avanti mi rattristo tanto
e sapessi quante volte mi tornate in mente durante la giornata,
io non posso aiutarvi che con la preghiera e sappiate che non me la scordo mai di recitarvela .

Ciao Erika, tra 20 anni ci aspetta quella cena con Lollo,
sai che ragazzone sarà ?
Un abbraccio.

MASSIMO
Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: Un tumore logora sia il malato sia chi gli sta intorno

Messaggio da Erika76 »

Massimo, quanto sei dolce! Ma mi pensi così vecchia da essere sorellona maggiore?? Dai che scherzo!! Sai, mi aggiro nei meandri della malinconia. Ci faccio un tuffo dentro per avvertire quella sensazione ovattata, lontana dalla realtà, lontana da chi mi pretende sempre attiva, sempre coraggiosa, sempre pronta a tutto. Poi quando la malinconia si fa tristezza e dolore, fuggo via, riemergo in superficie. Me la scrollo di dosso e ricomincio a respirare. Anche la pioggia, con la sua monotona cadenza ha qualcosa di magico... Dolcissimo Max, l'AMORE è tutto. Potremmo essere sani come pesci, potremmo non essere qui in questo Forum, potrebbero non essere le nostre le parole che riempiono gli schermi e con un semplice "INVIO" diventano di tutti... potremmo essere fuori dal pianeta cancro, ma se non avessimo l'amore, allora non avremmo nulla e a poco servirebbe la salute.
Si ha l'abitudine a dire "io ho", tu cos'hai? Una brutta malattia. Vero. Che altro? Una donna che ti ama immensamente. Poi? Dei figli che ti adorano e dei nipotini che vedrai crescere. Ancora? Hai il sole il mattino che illumina la stanza e la riempie di vita. Hai la pioggia che canticchia sulle finestre e ti permette di goderti la casa, hai un mare nemmeno troppo distante, un cielo che non manca mai.
Amore, per chi ti sta accanto, per la vita... quante cose hai oltre quella malattia rompipalle Max!
Conosco persone vuote, superficiali, inadatte alla vita, inadatte all'amore. A loro probabilmente manca quella malattia che hai tu, ma anche tutto il resto che hai... pensaci bene. Hai tanto, così tanto che non basterebbe un libro per scriverlo. Che mi dici di Dio poi? Della forza di commuoverti ancora innanzi al dolore altrui? Della voglia di pensare al domani?
Avanti ragazzone, il mondo è ancora nostro!
maddalena
Membro
Messaggi: 1077
Iscritto il: mer 11 giu 2014, 15:05

Re: Un tumore logora sia il malato sia chi gli sta intorno

Messaggio da maddalena »

Erika76, sono meravigliata per l'abilità che hai di mettere insieme così tante belle parole e frasi piene di senso e di amore , i miei complimenti.
Simonetta64
Membro
Messaggi: 193
Iscritto il: mer 5 nov 2014, 10:45

Re: Un tumore logora sia il malato sia chi gli sta intorno

Messaggio da Simonetta64 »

Cara Erika, caro Massimo e anche "vicino di casa", ogni volta che vi leggo mi si apre il cuore, avete sempre parole belle, emozioni forti, Erika riesci a trasmettere tanta forza e voglia di andare avanti a tutti i costi e tu Massimo, tanto coraggio, voglia di vivere, hai vicino una famiglia meravigliosa e devi essere felice di questo perchè loro riescono a darti tanta forza con il loro amore, vedrai tutto andrà bene, è logico i momenti di crisi ci sono, siamo umani, ma tu sei speciale, sei forte e sei circondato da tanto amore e saranno solo momenti.
Vi abbraccio forte
Simonetta
moni1
Membro
Messaggi: 1315
Iscritto il: mar 25 nov 2014, 10:55

Re: Un tumore logora sia il malato sia chi gli sta intorno

Messaggio da moni1 »

quando sento dire che è il mondo è vuoto, allora mi verrebbe la voglia di dire: signori affacciatevi là e ne sentirete delle belle!!! Erika e Max...siete faro per tanti! un abbraccione! monica
Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: Un tumore logora sia il malato sia chi gli sta intorno

Messaggio da Erika76 »

Maddalena, Simo, Moni... basta che se no mi metto a piangere, già ho un contratto di fornitura annuale per fazzolettini di carta!
maddalena
Membro
Messaggi: 1077
Iscritto il: mer 11 giu 2014, 15:05

Re: Un tumore logora sia il malato sia chi gli sta intorno

Messaggio da maddalena »

Sono validi ,perché ne ho bisogno anch' io, e non capisco più niente Mio marito dopo circa 10 giorni da intervento ernia dolori all'addome . Dopo varie indagini per capirne la causa si scopre che è dovuto al colon costipato causa coprostasi abbondante e diffusa interveniamo con tanti e alternati enteroclismi ma niente risultati ,visita gastroenterologo che prescrive terapia lassativi nulla , proviamo con preparazione per colonscopia nulla. Ci rivolgiamo ad un chirurgo privatamente e propone gastroscopia e colonscopia. Esegue gastro d'urgenza perché accusa accentuarsi dolori tra ombelico e prime costole zona fegato addome superiore, dall'esito a breve ricevuto con istologico da gastrite da helicobacter pilori grado 2. Dall'esame colonscopia erosione al colon in corrispondenza della valvola ileo ciecale. Siamo in attesa istologico. La terapia per helicobacter l'ha iniziata ieri sera ma i dolori ora sono più forti e insopportabili sono stata pesante con lui per convincerlo a presentarsi al P.S. si è anche arrabbiato ora è la con mia figlia , io non guido, ed è la 4 volta che si presenta , ma ritorna senza che risolvano è troppo dura . Lui è diabetico , iperteso , prende enzimi pancreatici mancandogli i due terzi dell' organo . Non so più che pensare per questi forti dolori che lo tormentano giorno e notte e dalla precedente tac non si è visto nulla cosi l'oncologo ha detto soddisfatto. Ciao
Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: Un tumore logora sia il malato sia chi gli sta intorno

Messaggio da Erika76 »

Ciao Maddalena, la coprostasi era successa anche a Dani nemmeno il preparato per la colon aveva avuto effetto, nel suo caso però il problema era uno stenosi a livello dell'ultimo tratto del colon. Sicuramente i dolori molto forti possono dipendere dall'erosione al colon, in corrispondenza della valvola che dovrebbe regolare il passaggio delle feci... non so che dire... spero che l'istologico sia OK e che si possa in qualche modo sbloccare...
maddalena
Membro
Messaggi: 1077
Iscritto il: mer 11 giu 2014, 15:05

Re: Un tumore logora sia il malato sia chi gli sta intorno

Messaggio da maddalena »

Grazie Erika , ho tralasciato per dimenticanza che poi per la preparazione all' esame il problema coprostasi che lo perseguitava da ben oltre un mese è passato non lo hanno invece abbandonato i continui dolori , aspetto a casa con molta ansia e tremori notizie dalla figlia che tra l'altro oggi ha saltato lezione Univer. a Parma , perché io avendo la patente non ho mai guidato perché ho molta paura, mi agito e mi sento anche in colpa , ma se dovessi combinare qualcosa guidando sarebbe peggio e mi prende confusione che non capisco più niente . Tra l'altro per quanto riguarda la seria malattia del marito sono sempre stata io a interessarmi a come muoversi dove andare e sapere tutto quello che avrebbe dovuto fare perché mi ero studiata tutto ciò che riguardava il percorso e il decorso, e nonostante il terrore che avevo ho reagito per lui , l'ho seguito in ogni momento nei suoi problemi sin dall'inizio nel 2011, e ti dirò con grande mia rabbia contro la superficialità che c'è stata da parte di certi medici , che se avessero accertato più accuratamente, con esami ematici più specifici, il motivo della comparsa del diabete si sarebbe anticipato prima cosa si nascondeva . Così sono trascorsi circa 9 mesi però essendoci mossi noi (non Medici) andando privatamente a Verona e poi a Peschiera del Garda ,che nemmeno un giorno a scopersero purtroppo quello non avremmo mai voluto sapere. Ciao cara Erika. Sappi che io ti leggo sempre con ammirazione.
Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: Un tumore logora sia il malato sia chi gli sta intorno

Messaggio da Erika76 »

Ti capisco e non sai quanto. Come te ho preso in mano la situazione e così ho continuato a fare nei quasi 3 anni di malattia. Pensa che siamo addirittura arrivati al punto da fotocopiare i foglietti illustrativi dei farmaci che, secondo gli oncologi non avevano alcun effetto avverso sui reni, evidenziando il termine: NEFROTOSSICO... questo per dirti che la guerra vera, come forse ho detto altrove, non è tanto contro la malattia, quanto contro la superficialità di chi circonda e considera le persone poco più che casi da manuale e contro le paure... Spero in buone notizie tesoro e grazie, ma non sei da meno!
 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio

Torna a “Raccontiamoci”