L'assenza

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
marcogas974
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: mer 15 feb 2017, 22:49

L'assenza

Messaggio da marcogas974 » mer 15 feb 2017, 23:45

Buongiorno a tutti. Forse è l'ora tarda che esprime questa assenza o forse è per sempre e per ogni istante rimasto? Sono quasi dieci anni dalla morte di mia moglie, che ha lottato per un anno contro un carcinoma gastrico che ormai era ovunque nel suo corpo. Ha lasciato me solo a 33 anni con una bambina di 2 anni e mezzo. Lei ne aveva 35.
Mia figlia è il mio mondo, il mio universo. Lei non ha sofferto ed è forte e coraggiosa. Io quel giorno sono morto. Anche perché amavo quella donna di un amore mai visto.. E avere una bambina così piccola ha reso tutto ancora più triste. Io ho dovuto rinascere, sono diventato ora questo ora quello, buttando tutto nelle mie passioni, buttando all aria intere giornate per dedicarmici e per fuggire. La mia bimba era ed è ancora la mia energia.
Ho una compagna.. ma c'è sempre qualcosa che manca. In fondo non sono più stato felice.
Ma mi chiedo ora e vi chiedo se sia normale provare ancora questa mancanza, provare ancora in fondo, tutta la disperazione? Perché la gente non comprende pienamente, anzi nella maggior parte, ne sono quasi indifferenti o reagiscono in modo "casuale" se gliene parli...

Gera
Membro
Messaggi: 227
Iscritto il: gio 11 feb 2016, 23:41

Re: L'assenza

Messaggio da Gera » gio 16 feb 2017, 0:00

Marco sono senza parole, 10 anni sono tanti....i tuoi dubbi sono stati i nostri... E qui,solo qui,ci si può esprimere completamente senza se e senza ma.ciò conferma il fatto che il cancro non è una semplice malattia,ma una nuova dimensione di vita,e anche dopo che chi amiamo muore,nulla sarà più come prima e e dobbiamo adattarsi a questa nuova dimensione.

moni1
Membro
Messaggi: 808
Iscritto il: mar 25 nov 2014, 10:55

Re: L'assenza

Messaggio da moni1 » gio 16 feb 2017, 11:16

Marco anch'io non ho la risposta che cerchi, posso solo abbracciare forte te e tua figlia!

shineonme86
Membro
Messaggi: 14
Iscritto il: mer 1 feb 2017, 11:06

Re: L'assenza

Messaggio da shineonme86 » gio 16 feb 2017, 12:06

E' passato un mese dalla scomparsa di mia madre. Ne sento sempre la presenza, anche se fisicamente non riesco a vederla per me è sempre qui con me ad accompagnarmi. Ho 30anni, di cui tre passati tra medici ed ospedali per cercare di trovare una soluzione, una guarigione.
Non sono uno che crede in maniera fervida, però credo che le persone si amano a prescindere dalla presenza fisica. Il toccarsi è solo da compimento all'amore che è dentro di noi. Ecco credo nell'anima che resta sempre, prescinde dal corpo e resiste ad ogni malattia. Un abbraccio.

Solotu
Membro
Messaggi: 385
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 21:44

Re: L'assenza

Messaggio da Solotu » gio 16 feb 2017, 19:08

Hai perfettamente ragione io non credo più in Dio perché troppe volte sono stata colpita da lutti precoci ma quello che dici è vero io penso ancora a mio marito come se fosse con me. Chissà forse è un'illusione che mi creo per sopravvivere. La morte uccide il corpo ma non l'amore. Ti abbraccio
La sofferenza imbarazza coloro che hanno la fortuna di non conoscerla e condiziona la vita di chi deve affrontarla

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2196
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: L'assenza

Messaggio da Franco953 » gio 16 feb 2017, 20:51

Ciao ragazzi/ragazze
Vi capisco. Sono passati tre anni dalla morte di papà ma è come se fosse stato ieri.
MI consola il fatto di sentirlo sempre accanto a me. Vive dentro di me come puro spirito
Quando ho bisogno, ho un problema che non riesco a risolvere mi basta sentire un profumo, vedere una foto, ricordare un sapore, un momento particolare e la risposta al mio problema è pronta lì, nella mia mente.
Oggi il ricordo di papà non è più pianto e disperazione come all'inizio, ma una grande e bellissima nostalgia.
Credere o non credere in Dio per la morte a papà non credo sia la prospettiva più giusta per valutare ciò che è successo e perchè è successo
A volte, quando accadono situazioni tremende, tendiamo a colpevolizzare un essere ipotetico superiore oppure addirittura noi stessi pensando di essere stati puniti per delle colpe che abbiamo commesso.Ed è così , arrovellandoci con pensieri irrazionali, che nasce in noi la depressione.
Dovremmo invece abbandonare anzitutto l'idea del mondo giusto che abbiamo nella mente e pensare in modo più razionale.
Dovremmo smettere di personalizzare gli eventi negativi che accadono intorno a noi ed iniziare ad esteriorizzarli, capire che qualche volta le cose brutte accadono e basta.
Un abbraccio

Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Solotu
Membro
Messaggi: 385
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 21:44

Re: L'assenza

Messaggio da Solotu » gio 16 feb 2017, 21:09

caro Franco come sempre la tua saggezza è infinita. Spero tanto un giorno di poter raggiungere il tuo equilibrio e la tua serenità. Per il momento per me è dura, molto dura. Un abbraccio. Come stai? ti senti meglio?
La sofferenza imbarazza coloro che hanno la fortuna di non conoscerla e condiziona la vita di chi deve affrontarla

Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 2196
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: L'assenza

Messaggio da Franco953 » gio 16 feb 2017, 21:27

Cara Solotu
leggerti, per me, è sempre motivo di gioia.
Va meglio, molto meglio
Bisogna tirare avanti ricordando che quel che abbiamo alle spalle e quel che abbiamo davanti sono piccole cose se paragonate a ciò che abbiamo dentro.
Un abbraccio
Franco
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”

Annalisa83
Membro
Messaggi: 66
Iscritto il: lun 26 dic 2016, 8:24

Re: L'assenza

Messaggio da Annalisa83 » ven 17 feb 2017, 4:33

Ciao Marco! Mio marito manca da due mesi e mezzo... sono rimasta sola il giorno del mio 33esimo compleanno con una bimba che sabato ha compiuto 18 mesi.... come ti capisco! Per te sono passati 10 anni... quello che scrivi fa capire tante cose... come può finire un amore interrotto da una malattia? Purtroppo le nostre vite sono state condizionate... non abbiamo scelto noi quello che è accaduto!!!! Mio marito mi manca ogni giorno.. sempre di più... più realizzo che non c'è e più sto male! Mia figlia è la mia forza ma è anche la mia debolezza.. ogni cosa nuova che impara è nello stesso tempo sia una immensa gioia sia una pugnalata al cuore.... perché il suo papà che l'amava tanto non è qui a gioirne??? Mamma mia... 10 anni... come mi hai fatto vedere il mio futuro caro Marco!!!!! Eh si... un amore eterno e vero come si può dimenticare??? Che tristezza!!!!!

Solotu
Membro
Messaggi: 385
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 21:44

Re: L'assenza

Messaggio da Solotu » ven 17 feb 2017, 8:47

marcogas974 ha scritto:
mer 15 feb 2017, 23:45
Buongiorno a tutti. Forse è l'ora tarda che esprime questa assenza o forse è per sempre e per ogni istante rimasto? Sono quasi dieci anni dalla morte di mia moglie, che ha lottato per un anno contro un carcinoma gastrico che ormai era ovunque nel suo corpo. Ha lasciato me solo a 33 anni con una bambina di 2 anni e mezzo. Lei ne aveva 35.
Mia figlia è il mio mondo, il mio universo. Lei non ha sofferto ed è forte e coraggiosa. Io quel giorno sono morto. Anche perché amavo quella donna di un amore mai visto.. E avere una bambina così piccola ha reso tutto ancora più triste. Io ho dovuto rinascere, sono diventato ora questo ora quello, buttando tutto nelle mie passioni, buttando all aria intere giornate per dedicarmici e per fuggire. La mia bimba era ed è ancora la mia energia.
Ho una compagna.. ma c'è sempre qualcosa che manca. In fondo non sono più stato felice.
Ma mi chiedo ora e vi chiedo se sia normale provare ancora questa mancanza, provare ancora in fondo, tutta la disperazione? Perché la gente non comprende pienamente, anzi nella maggior parte, ne sono quasi indifferenti o reagiscono in modo "casuale" se gliene parli...
ciao Marco l'amore vero è unico e irripetibile e quello che tu provi e parlo al presente per tua moglie è ancora oggi amore vero tu avevi un sogno e questo è stato infranto e anche se passa un secolo il dolore resta intatto. La compagna che per fortuna ti è accanto è in realtà un palliativo sicuramente lei ti ama molto ed essere amati è importante cerca di non dimenticarlo. Ti faccio i miei complimenti per l'uomo e per il bravo padre che sei perché non è facile e lo dico da vedova che cresce da sola due figli. Un abbraccio
La sofferenza imbarazza coloro che hanno la fortuna di non conoscerla e condiziona la vita di chi deve affrontarla

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”