il non-coraggio di assistere all'ultimo respiro

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
benedicta
Membro
Messaggi: 375
Iscritto il: lun 24 giu 2013, 21:43

Re: il non-coraggio di assistere all'ultimo respiro

Messaggio da benedicta » gio 9 ott 2014, 17:53

Erika quanto hai ragione...quanto avete ragione tutti! Erika mi potresti scrivere il link della discussione in cui tu parlavi dell'ultimo respiro e in cui molti ti scrivevano di non essere riusciti a stare accanto ai loro cari in quel momento? Mi servirebbe tanto...vi abbraccio tutti

GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1177
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Re: il non-coraggio di assistere all'ultimo respiro

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » ven 10 ott 2014, 3:50

Cara Bene,
Speravo che in questi mesi ti fossi ripresa alneno un poco .... ma non è cosi .... e mi spiace tanto.
Non aggiungo parole a quelle delle nostre amiche .... solo che credo che tutti coloro che passano nell'altra stanza sono li ... a guardarci ed aspettarci.
Riabbraccerai la tua mamma ... ma non prima di essere stata anche tu una brava madre. Non prima di aver tramandato quello che poi tuo figlio tramandera' ....
Sii orgogliosa del modo in cui ti ha educata e trasmetti i suoi insegnamenti. ..
Vedrai che la sentirai vicino
Scrivi Bene, racconta come vanno le tue giornate ... buone o brutte che siano ...
Mantieni il legame con noi

Simona Bellotti
Membro
Messaggi: 43
Iscritto il: lun 29 set 2014, 13:52

Re: il non-coraggio di assistere all'ultimo respiro

Messaggio da Simona Bellotti » ven 10 ott 2014, 10:29

Ciao Benedicta,
come ti capisco, io ho vissuto una situazione molto simile alla tua e continuo ad avere infiniti sensi di colpa per non esserci stata per mio padre, come avrei voluto e come lui avrebbe meritato dopo una vita di sacrifici per me. Ora mio padre e' morto da quattro mesi e l'unica cosa che ho capito e' che i sensi di colpa non mi aiutano, mi fanno stare male, mentre mio figlio ha bisogno di una mamma serena. Mi sto sforzando di andare avanti per il mio piccolo, e' un mio dovere. Non e' facile e mi farebbe molto piacere confrontarmi con qualcuno che vive una situazione simile, ovviamente se ti fa piacere..
La malattia di mio padre non mi ha lasciato molto tempo ... da quando ha avuto i primi disturbi, fino alla fine sono passate 5 settimane, quindi troppo poco, anche i dolori erano subito atroci ed e' stato in ospedale, prima in isolamento (perché non si sapeva cosa avesse) poi in ortopedia perché si e' fratturato il femore a causa di una infermiera che - nonostante lui fosse debole - non voleva accompagnalo in bagno e gli ultimi giorni - una volta arrivata la diagnosi - in oncologia. Mio figlio e' molto piccolo inoltre io lavoro quindi in queste 5 settimane ho cercato di dividermi tra lavoro bimbo ed ospedale e non sono certo stata con mio padre tutto il tempo che avrei voluto. Lui e' morto la sera verso le 10.00 ed io ero andata a casa da circa mezzora ... vorrei tornare in dietro per esserci stata .. ma il destino non ha voluto ... Spero lui mi veda da lassu e capisca che lo amo!
Un abbraccio caro,
Simona

Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: il non-coraggio di assistere all'ultimo respiro

Messaggio da Erika76 » ven 10 ott 2014, 13:12

Oh Bene, non lo ricordo, non credo fosse un filone apposito. So di averne parlato con diverse persone e Carla confermava di quel libro. Ho parlato con 5-6 persone e tutti mi hanno confermato la stessa cosa. Pochi minuti, una notte, il tempo di andare in farmacia, una corsa pazzesca verso l'ospedale, ciascuno non era presente in quell'attimo preciso.
Non so darti una spiegazione logica, ma credo che l'anima attenda un allontanamento quasi per non ferire ulteriormente chi ha così tanto sofferto. Ma Bene, non ti fissare su quell'attimo. Come noi, sei stata sempre al fianco di tua mamma e questa è la sola cosa che conta.

benedicta
Membro
Messaggi: 375
Iscritto il: lun 24 giu 2013, 21:43

Re: il non-coraggio di assistere all'ultimo respiro

Messaggio da benedicta » ven 10 ott 2014, 15:47

Ragazze...care amiche avevo dimenticato quanto fosse bello confidarmi con voi...conoscete tutto di me, vi ho raccontato ogni istante della malattia di mamma, le mie aspettative i miei sforzi le mie debolezze e la sconfitta finale. Avevo deciso di non scrivere più, troppo è il dolore che mi devasta e nonostante la psicoterapia va tutto storto...il mio matrimonio, il mio ruolo di madre, la mia vita. Mi sono proposta di non vivere più, in questo modo sento di tenere mamma più stretta a me...voi sapete, lei era tutto per me, tutto ciò che facevo era in funzione di lei, di un suo sorriso, di una sua soddisfazione. Anche il compleanno di mio figlio lo festeggiavo per renderla felice, tutto quello che facevo aveva valore se confidato a lei e nei momenti difficili solo lei era in grado di starmi vicina. Ora mi sento tremendamente sola, vivo la vita come un dovere, un compito da assolvere per poi ritornare da lei...a tutto ciò si aggiunge il senso di colpa di cui vi ho parlato che mi fa sentire vigliacca, vi voglio bene...
SIMONA confidati con me quando vuoi, abbiamo vissuto lo stesso dolore ed entrambe alla fine siamo scappate dai nostri figli...SCRIVIMI QUANDO VUOI
Vi voglio bene ragazze...GxG, ERIKA, CARLA voi conoscete il mio dolore...

Erika76
Membro
Messaggi: 1209
Iscritto il: mar 9 lug 2013, 23:45

Re: il non-coraggio di assistere all'ultimo respiro

Messaggio da Erika76 » ven 10 ott 2014, 15:54

Bene, tu sei anche mamma oltre che figlia. Se tuo figlio si proponesse di non vivere più laddove tu venissi a mancare approveresti? Vorresti questo per lui? Hai vissuto in funzione di lei, come l'ho fatto io con Dani e come tutti noi l'abbiamo fatto con chi amavamo, ma ora scegliere di mandare a rotoli la tua vita, di allontanarti da tuo figlio che senso avrebbe? Davvero credi che la non vita ti avvicinerebbe a lei? E in che modo? Lei voleva vivere, certo non voleva morire. E' vivendo che ti avvicinerai a lei, che gradualmente la sentirai dentro di te. Così come fai non sentirai se non un vuoto incolmabile, ma hai già gli strumenti per colmare quel vuoto e lenire quel dolore Bene. Non scappare, non è così che la sentirai, anzi, se davvero esiste un luogo dove le anime dei nostri guerrieri hanno trovato pace e ristoro, da lì lei ti vede e di certo ti farebbe un cazziatone di quelli belli pesi come quando ti arrabbiavi per le sue risposte. Coraggio Bene, la forza ce l'hai in te. Hai una famiglia, non puoi buttare via tutto. Quello sì che sarebbe un motivo di colpa e non il fatto di non essere stata presente all'ultimo respiro!

benedicta
Membro
Messaggi: 375
Iscritto il: lun 24 giu 2013, 21:43

Re: il non-coraggio di assistere all'ultimo respiro

Messaggio da benedicta » sab 11 ott 2014, 23:55

Grazie di cuore Erika, ho riletto i miei vecchi messaggi su questo forum...ho pianto...la mia mamma c'era ancora quando scrivevo, ho cercato di essere una brava figlia ma lei è stata perfetta con me ed io ho paura di non averla ricambiata abbastanza, di non esserle stata vicina nel modo giusto durante la malattia...spero che perdoni i miei momenti di debolezza e magari anche i litigi e le incomprensioni...purtroppo questo male ti annienta l'anima. Ti amo mamma...

GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1177
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Re: il non-coraggio di assistere all'ultimo respiro

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » lun 13 ott 2014, 5:32

Bene, non rimane con te la mamma cruciandoti di sensi di colpa ...
Se sei andata a leggerti i post ...lo hai visto quello che hai fatto per lei ?
È venuto il momento della pace ....
Rendile onore con delle buone azioni e non con pensieri bui.
Iniziare a vivere non significa dimenticare .... ma darle luce e onorata gloria
Portala con te come esempio, parla di lei come eroe , ma vai avanti.
ti vogliamo bene

Avatar utente
carla.carboni
Membro
Messaggi: 538
Iscritto il: lun 14 nov 2011, 4:21

Re: il non-coraggio di assistere all'ultimo respiro

Messaggio da carla.carboni » lun 13 ott 2014, 8:19

Benedicta, hai fatto benissimo ad andare a rileggere i tuoi vecchi post: sono stracolmi di amore per la tua Mamma!
E tanto ancora puoi offrirgliene dimostrandole che lei è riuscita a crescere una brava figlia che si è trasformata ora in una madre meravigliosa.
Questo è il regalo più grande che puoi farle. Fai in modo che un giorno anche tuo fgilio possa dire di aver avuto una mamma sempre presente e stupenda come lo è stata la tua per te. Non perdere neanche un attimo dell'amore di tuo figlio: questo è quello che la tua mamma con il suo amore ti ha insegnato. Ti voglio bene.
Carla

nuvoletta
Membro
Messaggi: 109
Iscritto il: dom 24 mar 2013, 15:48

Re: il non-coraggio di assistere all'ultimo respiro

Messaggio da nuvoletta » lun 13 ott 2014, 9:57

Benedicta posso racconarti la mia esperienza
Il 19 luglio 2013 il mio papà mi lasciava alle 6.12 del mattino
io ero li ... io ,mia mamma mio fratello e mia sorella....
Ero li quando faceva l'ultimo respiro ... lui ci guardava e aveva quegli occhi tristi e disperati , aveva capito che ci stava lasciando... metà del mio cuore li si è spento con lui
avrei tanto preferito che non si accorgesse ...
avrei voluto non aver visto quegli occhi....
ora vivo con una grande tristezza ... io
questo è per dirti che anche vedere quel passaggio non sempre può servire per stare meglio
con il senno del poi posso dirti era meglio perderlo prima.....anche mesi prima ma senza tutto quel dolore...
ti lascio qui un dolcissimo abbraccio by gloria

Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”