Chemio per prostata

GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1155
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Chemio per prostata

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » lun 30 ott 2017, 22:00

Buongiorno a tutti. Mio padre in questo momento ha un PSA elevatissimo (80) e metastasi ossee diffusissime. Non ha alcun dolore. Età 81 anni.
La proposta ultima è stata CHEMIOTERAPIA.
Qualcuno di voi ha esperienze in merito ?
Le proposte ormonali sono già state vagliate.
Grazie

Avatar utente
Fabrizio55
Membro
Messaggi: 147
Iscritto il: sab 19 mag 2012, 3:13
Località: Ancona

Re: Chemio per prostata

Messaggio da Fabrizio55 » lun 30 ott 2017, 23:41

La terapia con abiraterone acetato è stata valutata? la chemio per le neoplasie prostatiche sono comunque di vari livelli e possono tenere sotto controllo la malattia per periodi anche lunghe. Si tratterebbe come al solito, considerata l'età e il buono stato di salute, di valutare i benefici di una eventuale chemio e le conseguenze in termin di qualità della vita.
Un caro augurio

Stefano2018
Membro
Messaggi: 98
Iscritto il: ven 9 ott 2015, 15:46

Re: Chemio per prostata

Messaggio da Stefano2018 » mar 31 ott 2017, 8:03

È un caso molto delicato quindi affidati ad un centro specializzato

Ovviamente L età di tuo padre influenza il processo di decisione

comunque studi recenti hanno dimostrato riscontri positivi con L utilizzo di una chemioterapia precoce

Studi recentissimi hanno indicato anche un ulteriore strada : terapia ormonale + albiraterone

Inoltre per le metastasi ossee valuta con i dottori cicli di radium 223

le nuove chemio sono più tollerare rispetto al passato però come puoi immaginare gli effetti collaterali ci sono

Onestamente è strano che non si faccia neanche un tentativo con la terapia ormonale perché ci sono casi dove si hanno ottimi risultati nel breve periodo considerando il fatto che parliamo di una persona di 80 anni

GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1155
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Re: Chemio per prostata

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » mar 31 ott 2017, 10:43

Ciao. La terapia ormonale + albiterone è già stata provata. Durata 6 mesi poi il PSA è schizzato alle stelle sintomo che la malattia non era più contenuta. Da qui Tac e Per e questo primo annuncio di un eventuale chemio.
Il centro è ottimo su Milano.
Avete maggiori informazioni su radio farmaci o immunoterapia ? Grazie

Stefano2018
Membro
Messaggi: 98
Iscritto il: ven 9 ott 2015, 15:46

Re: Chemio per prostata

Messaggio da Stefano2018 » mar 31 ott 2017, 14:17

A ok quindi già è stato fatto un tentativo

Negli Stati Uniti usano il Provenge da quello che leggo comunque con risultati difficile da interpretare

In Italia c erano delle sperimentazioni in tal senso ma credo che siamo ancora lontani dall utilizzo clinico

Il radiofarmaco approvato in Italia è il radium223 (gli altri sono ancora in fase di sperimentazione-Germania e Stati Uniti )

Ad oggi la cosa più fattibile è la chemio come giustamente ti hanno consigliato e zometa o xgeva per rallentare gli eventi scheletri

luisella49
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: mar 7 nov 2017, 14:24

Re: Chemio per prostata

Messaggio da luisella49 » mar 14 nov 2017, 12:08

Frequentando un forum americano ho visto un giorno un post di un paziente tornato dalla Germania, precisamente Bonn, in cui si era sottoposto ad un trattamento con un radiofarmaco che è il lutezio 177. Non sono più riuscita a trovare quel post, ma ho trovato migliori informazioni successivamente. In pratica si tratta di questo. La pet/tac PSMA Gallio 68 ,non è utile solo per la diagnosi, ma anche per il
trattamento: il ligando PSMA può essere marcato con un altro radionuclide, il Lutezio-177 che è capace di distruggere le cellule cancerose dall'interno attraverso le radiazioni.
In Germania parecchi ospedali praticano questo trattamento e ci sono molti studi a riguardo. Se tu su Google scrivi Bonn PSMA Lu 177 , ti vengono fuori diversi link. Fortunatamente quasi tutti in Inglese!!!Clicca su questo: Prostate cancer| with metastasis | Lutetium 177- PSMA. Urology.......... Troverai un elenco di ospedali che offrono questo trattamento con i relativi costi. Sono certo costi alti. Alcuni sono a costo zero, probabilmente mutuabili. Per noi Italiani non so. I due ospedali top sono Bonn e Cologna. Dimenticavo.....5 giorni di trattamento. Auguri

GIORNOPERGIORNO
Membro
Messaggi: 1155
Iscritto il: lun 18 ott 2010, 16:08

Re: Chemio per prostata

Messaggio da GIORNOPERGIORNO » mer 15 nov 2017, 7:38

Ciao !!!! Su vostro consiglio ho proposto il Radiofarmaco e hanno analizzato la situazione accettando di fare un passaggio in tal senso prima della chemio.
Quindi il 21 partiamo con RADIUM 223.
Con la speranza che rallenti un pò la malattia. Con la consapevolezza che prima o poi si arriverà alla chemio.
Vedremo .....
Qualcuno ha fatto questo trattamento ?
Grazie ancora a tutti per le preziose notizie

Stefano2018
Membro
Messaggi: 98
Iscritto il: ven 9 ott 2015, 15:46

Re: Chemio per prostata

Messaggio da Stefano2018 » mer 15 nov 2017, 9:42

Non credo che sul forum ci siano esperienze dirette però i dati scientifici sono promettenti almeno per quanto riguarda gli effetti collaterali.

In bocca a lupo e tienici aggiornati.

enzo1
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: lun 20 nov 2017, 10:39

Re: Chemio per prostata

Messaggio da enzo1 » lun 20 nov 2017, 10:53

Ciao a tutti;
vi ho trovati in cerca di notizie sul Lu 177. Intanto vi dico che io sto facendo il Radium 223; modestissimi effetti collaterali (diarrea, una scarica, nausea poca se mangio lo stesso giorno). Efficacia: da vedere, ma io sono messo malissimo; tumore molto aggressivo. Mi hanno detto che i casi trattati qui sono andati bene.
Se posso chiedo per il Lu 177; a fronte di notizie incoraggianti a livello internazionale, la mia oncologa lo ritiene un'opzione di scarsissimo valore. Naturalmente ha detto che uno può provare tutto, ma il suo giudizio è negativo.
Enzo

Stefano2018
Membro
Messaggi: 98
Iscritto il: ven 9 ott 2015, 15:46

Re: Chemio per prostata

Messaggio da Stefano2018 » lun 20 nov 2017, 12:55

Per il Lu-177 devi rivolgerti a qualche ospedale in Germania dove lo stanno sperimentando in Italia non abbiamo esperienze dirette.Dovresti chiedere al tuo oncologo se ci sono in corso sperimentazioni anche in Italia ed eventualmente fare richiesta per essere inserito nel trial clinico.

In quale centro ti stanno curando ?

Possiamo conoscere la tua storia ?

Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”