Pagina 1 di 16

Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Inviato: gio 14 set 2017, 11:20
da Solidea
e poi non ha avuto più ricadute?
Grazie a chi vorrà fornire la propria testimonianza...

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Inviato: ven 15 set 2017, 16:44
da Elegra
Ciao Solidea
Una mia collega all'età di 39 anni è stata operata di carcinoma al colon e ha rifiutato la chemioterapia post intervento
Ora ne ha 53 e non ha più avuto niente
Tutti gli altri che conosco l'hanno fatta
Come sta la mamma?

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Inviato: ven 15 set 2017, 17:20
da Solidea
Ciao Elegra
sempre presente :-) grazie mille
la mamma accusa il colpo, purtroppo gli effetti collaterali si stan facendo sentire tutti, tra ieri e oggi sono arrivati anche i dolori alle ossa.
Ma la tua collega (se si può dire) a che stadio era del tumore? Aveva i linfonodi coinvolti o liberi?
Comunque...immaginavo esistesse qualche caso del genere.
So che non si dovrebbe dire in un forum in cui si parla di tumori e terapie, ma secondo me ci sono dei casi in cui la chemio fa soffrire e basta e la sua utilità resta dubbia, se non addirittura peggiorativa.
A volte mi chiedo se non sia la chemio a provocare altri tumori o comunque le metastasi.
Ma so anche che nessuno potrà/vorrà rispondermi.

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Inviato: ven 15 set 2017, 17:41
da Franco953
Per chiarirci le idee .Estrapolato dal sito dell'Associazione Italiana per la lotta contro il cancro
Franco

La chemioterapia può a sua volta provocare un secondo tumore?

E' vero I pazienti sono spesso spaventati dalla possibilità che alcuni chemioterapici siano a loro volta cancerogeni.
In effetti è possibile che alcuni farmaci antitumorali causino un secondo tumore, in particolare una leucemia mieloide o linfocitica, ma solo in seguito a diversi anni di trattamento .

Queste sostanze comprendono il cisplatino, le antracicline, gli inibitori della topoisomerasi II e alcuni agenti alchilanti. In seguito a trattamento prolungato con questi farmaci, il rischio di sviluppare un secondo tumore, rispetto a una persona non trattata, aumenta circa due anni dopo la fine della cura, raggiunge l'apice tra 5 e 10 anni e poi diminuisce fino ad annullarsi.

Perché usare queste sostanze? La ragione è semplice: innanzitutto perché il rischio di sviluppare un secondo tumore, in valore assoluto, è molto basso. Inoltre, ancora più importante, perché questi farmaci possono curare tumori primari gravi, offrendo al malato la possibilità di sopravvivere al tumore per diversi anni. Se si rinunciasse ai chemioterapici, i pazienti, non avrebbero il tempo di sviluppare un tumore secondario poiché non sopravvivrebbero sufficientemente a lungo.

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Inviato: ven 15 set 2017, 17:47
da Elegra
Ciao Solidea
Era stadio 1 no linfonodi
Ma vista la giovane età le avevano prescritto la chemio. L'ha rifiutata proprio perché il k colon secondo lei le era arrivato proprio grazie alle chemio fatte x il primo tumore (linfoma)

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Inviato: ven 15 set 2017, 18:38
da Solidea
Franco953 ha scritto:
ven 15 set 2017, 17:41
Per chiarirci le idee .Estrapolato dal sito dell'Associazione Italiana per la lotta contro il cancro
Franco

La chemioterapia può a sua volta provocare un secondo tumore?

E' vero I pazienti sono spesso spaventati dalla possibilità che alcuni chemioterapici siano a loro volta cancerogeni.
In effetti è possibile che alcuni farmaci antitumorali causino un secondo tumore, in particolare una leucemia mieloide o linfocitica, ma solo in seguito a diversi anni di trattamento .

Queste sostanze comprendono il cisplatino, le antracicline, gli inibitori della topoisomerasi II e alcuni agenti alchilanti. In seguito a trattamento prolungato con questi farmaci, il rischio di sviluppare un secondo tumore, rispetto a una persona non trattata, aumenta circa due anni dopo la fine della cura, raggiunge l'apice tra 5 e 10 anni e poi diminuisce fino ad annullarsi.

Perché usare queste sostanze? La ragione è semplice: innanzitutto perché il rischio di sviluppare un secondo tumore, in valore assoluto, è molto basso. Inoltre, ancora più importante, perché questi farmaci possono curare tumori primari gravi, offrendo al malato la possibilità di sopravvivere al tumore per diversi anni. Se si rinunciasse ai chemioterapici, i pazienti, non avrebbero il tempo di sviluppare un tumore secondario poiché non sopravvivrebbero sufficientemente a lungo.

Caro Franco,
grazie per aver postato quest'intervento, che in parte ovviamente mi rassicura. Però quando arrivo al passaggio "Se si rinunciasse ai chemioterapici, i pazienti, non avrebbero il tempo di sviluppare un tumore secondario poiché non sopravvivrebbero sufficientemente a lungo" non posso fare a meno di storcere il naso, Perché se si parla dei pazienti metastatici capisco bene che la chemio sia forse l'unico mezzo per sopravvivere, ma negli altri casi una chemio cosiddetta "preventiva" quanto conviene in realtà?
Non sarà che gli oncologi sono talmente attaccati ai loro protocolli che sottovalutano i rischi e i danni di una chemio cosiddetta adiuvante (ti parlo di tumore rimosso e zero metastasi)?

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Inviato: ven 15 set 2017, 18:41
da Solidea
Elegra ha scritto:
ven 15 set 2017, 17:47
Ciao Solidea
Era stadio 1 no linfonodi
Ma vista la giovane età le avevano prescritto la chemio. L'ha rifiutata proprio perché il k colon secondo lei le era arrivato proprio grazie alle chemio fatte x il primo tumore (linfoma)
La capisco, e secondo me ha fatto benissimo.
Grazie per la tua testimonianza :-)
La tua mamma come va?

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Inviato: ven 15 set 2017, 19:02
da Franco953
Solidea ciao
naturalmente ho postato un semplice sunto dell'approfondimento
Ti suggerisco di leggerlo completamente.

http://www.airc.it/cancro/disinformazio ... a-fa-male/

Franco

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Inviato: ven 15 set 2017, 19:24
da Solidea
Grazie mille, Franco. Ho letto tutto e mi auguro sia davvero così.
Perché quando ci sono i tuoi cari in ballo non sai davvero più che pesci pigliare, penso lo sappia meglio di me.
Un abbraccio

Re: Ma esiste qualcuno che ha rifiutato la chemio

Inviato: ven 29 set 2017, 8:45
da canghita
Un signore di 80 anni con tumore al fegato ha fatto il primo ciclo di chemio orale ed è andata bene
Al secondo ha iniziato ad avere diarrea profusa tant' è che è stato ricoverato per disidratazione e stava per morire. Ad oggi sta bene dopo due mesi ed ha rifiutato di assumere altri chemioterapici.
Vedremo come va.