Ipocondria e Depressione

In questa sezione si possono pubblicare tutte quelle discussioni che non trovano collocazione nelle altre stanze.
Rispondi
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3389
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Ipocondria e Depressione

Messaggio da Franco953 »

Spero che la mia esperienza possa servire a qualcuno
Ho vissuto all'età di 25/30 anni e per un lunghissimo periodo nell’ipocondria più assoluta. Ho avuto disturbi, dolori e fissazioni sulle più disparate malattie. Mi sono sottoposto a diversi esami, tra i quali la gastroscopia e la colonscopia che molte persone cercano di evitare in quanto invasivi. Ero certo di avere un tumore prima allo stomaco, poi al colon e successivamente ai polmoni. Tutti gli esami risultavano negativi. Poi è iniziato il periodo della tubercolosi renale (bacillo di cock) con esami e rx ai reni e alla relativa funzionalità. E’ seguito il periodo dei problemi cardiaci con elettrocardiogramma. Ecografie varie. Tutti esami negativi
Ho cambiato decine di medici perché consideravo del tutto incompetenti coloro che , visti gli esiti degli esami, mi dicevano che non avevo assolutamente nessuna malattia
Dopo circa un anno mi sono accorto che l’ipocondria piano piano stava lasciando il posto alla più profonda depressione . Una depressione terribile, che mi toglieva il fiato durante il giorno mentre, di notte ,mi assaliva con i più assurdi incubi;incubi che mi facevano sobbalzare sul letto in modo violento. Gli stati d’ansia erano ininterrotti per tutta la giornata e la paura di uscire, con il pensiero di stare male e di svenire per strada, mi obbligava a relegarmi in a casa tagliando tutti i contatti con amici e parenti
Questa terribile situazione era aggravata dallo stato d’animo di mia moglie, ormai quasi disperata, e da un lavoro vicino alla risoluzione definitiva , per il susseguirsi dei giorni di assenza
E’ arrivato, infine, il periodo degli antidepressivi e dei calmanti che non risolvevano il problema dell’ansia ma perlomeno mi davano la possibilità di gestirla. Come ? Semplice: dormendo oppure passando tutta la giornata seduto sul divano. mezzo rimbambito, senza la possibilità di gestire i pensieri o anche una seppur minima conversazione con chicchessia
Di quel periodo ricordo i vari discorsi di mia moglie, dei medici , degli amici e dei parenti: “fatti forza”. “devi uscire da questa situazione altrimenti finisci male”, “se continui così finisci in manicomio”, Devi reagire per te stesso ma anche per tua moglie che si stà consumando lentamente”
Tutti bellissimi discorsi che entravano da un’orecchio ed uscivano dall’altro senza sfiorare, anche solo lontanamente. il cervello. Eppure, porto la mia testimonianza perché è possibile uscire dalla depressione. Però bisogna volerlo veramente! Se siamo fermamente convinti che non si può vivere non essendo più se stessi. Non si può più vivere comandati dal proprio “Io” impazzito e dall’effetto catatonico dei calmanti e degli antidepressivi.
Deve scattare “la rivolta” nel nostro cervello , nel proprio “Io”, e fin quando non scatta , l’esperienza mi ha insegnato che non ci sono discorsi, ragionamenti fatti da famigliari, psicologi o psichiatri .che possono cambiare la situazione.
Ritornando alla mia storia personale , un bel giorno, non so come e non so il perché, mi sono svegliato chiedendomi : “ perché ogni mattina mi devo svegliare e per poter vivere devo farmi comandare da dalle pastiglie ? Perché non devo avere la forza di ritornare ciò che ero prima ? Io sono più forte della depressione e devo e posso vincere!
Mi sono alzato, ho chiuso nel cassetto le pastiglie e facendo leva sulla mia volontà ho fatto colazione e sono andato al lavoro tra lo stupore di mia moglie.
I primi due mesi sono stati un’ incubo terribile perché, oltre alla depressione dovevo combattere contro la dipendenza da ansiolitici e calmanti. Ho dovuto lottare contro stati di panico puro, uscivo di casa ma dopo alcuni minuti dovevo rientrare di corsa perchè mi sentivo svenire, mi mancava l'aria e mi tremavano le gambe. Non riuscivo a concentrarmi e, a volte, mi chiudevo in me stesso pensando alla mie fantomatiche malattie ai miei fantomatici tumori tremando dalla paura. Questo stato di cose aveva effetti collaterali fastidiosi come dolori lancinanti all'intestino e scariche di diarrea continui Fu terribile ma alla fine ho vinto la battaglia e sono riuscito a riconquistare, dopo sei/sette mesi di guerra, il mio equilibrio psichico.
Da allora sono passati 35 anni e “sono ancora vivo e vegeto”. Ormai da svariato tempo se ne andata per sempre la depressione e l’ipocondria. Vivo una vita normale
E’ stata dura e difficile ma ci sono riuscito
Ho raccontato la mia esperienza per dire a tutti coloro che soffrono di depressione che è possibile uscire dai propri stati d’ansia, dal panico, dalla paura per raggiungere, anche attraverso la sofferenza , il proprio equilibrio
Non disperate, non bisogna mai” gettare la spugna” ciò che importa è che il desiderio di “guarire” deve nascere veramente dentro da noi, nel nostro cervello, nella nostra anima, nel nostro “Io”.
La mia vuol essere una testimonianza di fiducia e di speranza
Franco
Ultima modifica di Franco953 il mar 30 gen 2024, 14:35, modificato 2 volte in totale.
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”
moni1
Membro
Messaggi: 1580
Iscritto il: mar 25 nov 2014, 10:55

Re: Ipocondria e Depressione

Messaggio da moni1 »

Franco sei stato e sei un bell'esempio di vita! un abbraccio sincero
Giagnoni
Membro
Messaggi: 236
Iscritto il: gio 8 lug 2021, 22:06

Re: Ipocondria e Depressione

Messaggio da Giagnoni »

Purtroppo non condivido.... Dal tunnel della depressione. Raramente se ne esce da soli, poiché la depressione sei tu stesso, non è un appendice come un cancro... Gli antidepressivi di nuova generazione non hanno assolutamente gli effetti collaterali che tu citi.. E mi spiace che ancora si possa credere che certi farmaci inebetiscono o peggio ancora rendono dipendenti... Piuttosto facciamo passare il messaggio che la malattia psichica esiste... Ed é giusto sia curata nello stesso modo in cui si curano le malattie di altri organi... Senza vergogna ne paura...
Giagnoni
Membro
Messaggi: 236
Iscritto il: gio 8 lug 2021, 22:06

Re: Ipocondria e Depressione

Messaggio da Giagnoni »

Mi permetto di consigliare la lettura di un libro "e liberaci dal male oscuro" scritto anni fa dal prof. Cassano primario di psichiatria alla clinica San rossore.... Un libro molto interessante e rivelatore
Avatar utente
Franco953
Membro
Messaggi: 3389
Iscritto il: ven 31 lug 2015, 9:57

Re: Ipocondria e Depressione

Messaggio da Franco953 »

Grazie Giagnoni del tuo post e del suggerimento circa il libro che cercherò senz' altro di leggere.
Scusami ma leggendo il tuo post non capisco cosa non condividi. Ho riportato cio' che mi è successo per cui non è una ipotesi, una teoria è semplicemente una esperienza di vita. Mai affermato che la malattia psichica non esiste .
Non sono un medico e quindi non ho alcuna intenzione di dare suggerimenti e indicazioni su come comportarsi ecc. Forse la mia esperienza potrà servire a qualcun altro. So soltanto che dopo infiniti esami presso alcuni ospedali che non cito mi fu diagnostica la forma depressiva che ho descritto Fui dimesso con farmaci che per un certo periodo mi aiutarono nel modo in cui ho indicato. Tu dici che questi farmaci non danno assuefazione ed io non posso affermare il contrario perché, ripeto, non sono un medico e non ho alcun titolo per dirlo. So soltanto che nel momento in cui ho smesso di prendere i farmaci la situazione generale è peggiorata e in misura consistente. Forse si è trattato di un fattore psicologico come " il sapere di non aver preso le pastiglie" peggiorava il mio stato d' animo aumentando in modo consistente la tensione. So soltanto che quei periodi li ho vissuti in modo terribile e comunque ne sono uscito da solo con il mio impegno e con l' aiuto di mia moglie
Ultima modifica di Franco953 il mer 31 gen 2024, 15:38, modificato 2 volte in totale.
“Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quanto amore mettiamo nel dare.”
Rispondi

Torna a “Off topic: pensieri sparsi”