La mia giovane cognata è terminale.

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
Macchia
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: mer 11 apr 2018, 13:53

La mia giovane cognata è terminale.

Messaggio da Macchia » lun 14 mag 2018, 11:04

Ciao a tutti,
Vi scrivo perché credo di riuscire a trovare qualche risposta in questo forum.
Mi cognata ha 32 anni, un anno fa le è stato diagnosticato un tumore all'utero al IV stadio.
Inizialmente non è stata operata, le hanno fatto un ciclo di chemio, uno di radio e poi da dicembre 2017 è andata avanti con la chemio in pastiglie.
Verso inizio gennaio in lombardia le dissero che la malattia era praticamente scomparsa, con grande gioia di tutti noi.
Lei viveva e lavorava a Milano ma è originaria di un'altra regione, qualche giorno dopo, infatti, è tornata nella sua terra e, per scrupolo, ha voluto sentire anche il parere di un altro medico. Ci è crollato il mondo addosso, il medico le ha detto che con la chemio la massa si sarebbe dovuta ridurre almeno del 50% e invece era ancora tutta lì. Il medico propone di operare, dicendo però che l'operazione doveva essere stata la prima cosa da fare appena scoperta la malattia. Mia cognata ha paura e torna a Milano chiedendo di essere operata lì, ma lì le dicono che il tumore è inoperabile e che loro non si prendono la responsabilità di toccarla.
Lei si convince, torna nella sua regione e decide di farsi operare. L'intervento in laparoscopia dura 14 ore. Dicono di avere rimosso il 95% del tumore, arrivando fino al diaframma. L'altro 5% è una metastasi che si trova dietro il fegato ed è difficile e pericolosa da raggiungere. Durante l'intervento le ricostruiscono parte dell'intestino e parte della vescica. Circa una settimana dopo l'intervento le saltano i punti del retto. La riportano in sala e le viene praticata una stomia. Qualche giorno dopo saltano anche i punti della vescica che vengono prontamente ricuciti.
Due settimane fa il medico decide di metterle anche il sacchetto per le urine oltre a quello per le feci, ma una volta in sala operatoria non ha potuto fare altro che metterle un drenaggio per i liquidi accumulati nell'addome. Il medico ha detto che "è piena, non c'è un centimetro di intestino sano".
Decidiamo di non dirle la verità, ma di darle speranza.
In questi giorni la situazione è questa: è magrissima ma con la pancia molto gonfia, ha la stomia per le feci, ma l'intestino è completamente occluso. Ha un drenaggio per i liquidi che si raccolgono nell'addome, tra cui la pipì che fuoriesce dalla vescica che non tiene più. A volte fa la pipì dall'ano. Ha anche il catetere per la pipì.
Ha la nutrizione parenterale, albumina, non mangia praticamente più nulla e da qualche giorno è sotto morfina costantemente a causa dei fortissimi dolori dovuti all'intestino pieno d'aria e di feci. Spesso ha la nausea ma i medici dicono che se dovesse vomitare saranno costretti a metterle il sondino naso gastrico (perché?). Da due giorni è anche attaccata dell'ossigeno e spesso ha la febbre alta e suda molto. Credo che non si stia più alzando dal letto da 3 o 4 giorni.
Io purtroppo vivo lontana, il fratello, cioè il mio compagno è tornato nella sua regione d'origine per stare vicino alla madre e alla sorella mentre io faccio la pendolare. Non essendo lì tutti i giorni ho l'impressione che le notizie mi arrivino un po' filtrate. In una situazione del genere, cosa mi devo aspettare? Quanto ancora potrà andare avanti questa povera creatura? Mi sembra di essere un mostro, ma vorrei che se ne andasse in fretta e senza soffrire, non sopporto di vederla così e di stare in un limbo ad aspettare che accada il peggio. Vorrei riuscire a capire quanto ancora dovrà soffrire..
Grazie a tutti voi.

Ermanno1976
Membro
Messaggi: 158
Iscritto il: mer 28 feb 2018, 15:24

Re: La mia giovane cognata è terminale.

Messaggio da Ermanno1976 » lun 14 mag 2018, 11:26

Ciao mi dispiace molto per tua cognata davvero, non so cosa dire umanamente rispetto a questi drammi, ti posso solo consigliare di rivolgervi al più presto al centro della terapia del dolore dell’ospedale dove siete appoggiati e chiedere che venga attuata la sedazione profonda, è inutile che lei debba soffrire così tanto. Non so se è ancora il momento ma attivatevi già per richiederla. È un sollievo per questi pazienti che hanno avuto decorsi così pesanti.

Avatar utente
carla.carboni
Membro
Messaggi: 538
Iscritto il: lun 14 nov 2011, 4:21

Re: La mia giovane cognata è terminale.

Messaggio da carla.carboni » lun 14 mag 2018, 12:50

Pienamente d'accordo con Ermanno. Fatela al più presto. Quello che ha soffetto è già troppo. Un abbraccio a tutti voi.
Carla

Macchia
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: mer 11 apr 2018, 13:53

Re: La mia giovane cognata è terminale.

Messaggio da Macchia » lun 14 mag 2018, 12:58

Credo che stia già facendo la terapia del dolore, infatti è costantemente sotto morfina. Dorme quasi sempre..

Ermanno1976
Membro
Messaggi: 158
Iscritto il: mer 28 feb 2018, 15:24

Re: La mia giovane cognata è terminale.

Messaggio da Ermanno1976 » lun 14 mag 2018, 13:16

La sedazione profonda prevede che il sonno sia stabile fino alla cessazione delle funzioni vitali, accertati che sia quello. Mi dispiace molto dover riferire queste cose credimi!

Macchia
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: mer 11 apr 2018, 13:53

Re: La mia giovane cognata è terminale.

Messaggio da Macchia » lun 14 mag 2018, 13:26

Preferisco una brutta verità piuttosto che una bella bugia.. apprezzo molto la sincerità anche in questi casi. Forse non è ancora il momento della sedazione profonda, per il momento le tengono sotto controllo i dolori con la morfina, ma la morfina la rende poco lucida e dorme per la maggior parte del tempo.. ma almeno non soffre..

Elegra
Membro
Messaggi: 571
Iscritto il: dom 2 apr 2017, 14:13

Re: La mia giovane cognata è terminale.

Messaggio da Elegra » lun 14 mag 2018, 13:51

Se è ancora cosciente e un pochino parla...ma non appena vedete che dorme più del dovuto oppure è agitata e spaventata..secondo me la cosa migliore è proprio la sedazione profonda.
Povera stella.. ha già patito anche troppo ..
Io spero per voi e per lei che il Signore se la porti via presto
Mi dispiace molto..
Vivi ogni giorno come se fosse ogni giorno
Ne' il primo ne' l'ultimo
L'unico

fiore69
Membro
Messaggi: 70
Iscritto il: dom 25 giu 2017, 15:06

Re: La mia giovane cognata è terminale.

Messaggio da fiore69 » lun 14 mag 2018, 17:52

Povera ragazza..... ha la mia stessa malattia io ho il 3 stadio b. A me hanno sconsigliato l'operazione. Ho girato I più grossi specialisti. Cerco di fare una vita normale. Il male risponde ancora alle terapie ma so che la mia vita è appesa ad un filo. Ti mando un grosso abbraccio.

Macchia
Membro
Messaggi: 11
Iscritto il: mer 11 apr 2018, 13:53

Re: La mia giovane cognata è terminale.

Messaggio da Macchia » lun 14 mag 2018, 19:46

E io mando un grosso abbraccio a te fiore69.
Puoi farcela!

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”