Dieta e tumore prostatico

Solidea
Membro
Messaggi: 398
Iscritto il: gio 31 ago 2017, 18:04

Re: Dieta e tumore prostatico

Messaggio da Solidea » lun 25 giu 2018, 21:46

Ernesto for president!!!
Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l’eternità.

ernesto62
Membro
Messaggi: 110
Iscritto il: dom 17 nov 2013, 20:52

Re: Dieta e tumore prostatico

Messaggio da ernesto62 » mar 26 giu 2018, 6:02

Solidea ahahah. Non esageriamo. Basta togliere i paraocchi che ci mettono addosso e cercare di aprire un po' la mente e ragionare , abbiamo un cervello non permettiamo che siano gli altri a tirare le fila dei nostri pensieri . Basta aprire un po' la mente ed ecco che come per incanto Matrix ti viene rilevato e capisci quanto viviamo davvero in una realtà che è giudata e pilotata. Non dico che la medicina ufficiale è tutta una truffa ma ci sono in gioco forti interessi e giochi economici da capogiro ,i quali non permettono a niente di comprometterne il perfetto meccanismo ormai oliato . Mi dispiace ma è quello che ho capito e visto in questi anni in cui anche a me è stato diagnosticato un tumore alla prostata. Appena a qualsiasi medico , anche i cosiddetti luminari parli di alimentazione o anche di medicina naturale o ti deridono o non ti rispondono o ti guardano dall' alto verso il basso . Ed è lì che ogni tanto ti guardano almeno in faccia perché con i protocolli nemmeno ti guardano a volte senza un po' di tatto. Questo è ciò che ho provato in questi 5 anni. Se invece vai ai loro studi a pagamento con in mano le 200 euro a visita ecco che per lo.meno 5-10 minuti ti ascoltano e dialogono. Quindi di che stiamo parlando per favore....

Solidea
Membro
Messaggi: 398
Iscritto il: gio 31 ago 2017, 18:04

Re: Dieta e tumore prostatico

Messaggio da Solidea » mar 26 giu 2018, 9:07

Caro Ernesto, qui ho provato anch'io a parlare di alimentazione, apriti cielo!
Senza screditare la medicina ufficiale perché anche la mia mamma, per altro tipo di tumore, ha comunque seguito i protocolli "classici". Ma anch'io mi sono informata su Colin Campbell, sull'importanza della vitamina D e tanto altro...perché c'è dell'altro! Ma qua appena ci provi immediatamente associano tutto ai ciarlatani. Invece soffrire per la chemio e per la radio va benone! Assurdo. Gli oncologi poi di alimentazione in genere non sanno nulla, quando ho provato ad accennarne qualcosa alla dottoressa che segue la mia mamma è caduta letteralmente dalle nuvole al che ovviamente ho desistito. Che vergogna, l'alimentazione è essenziale!
Ti stimo, anche e soprattutto perché stai provando tutto sulla tua pelle!
Un forte abbraccio e un enorme in bocca al lupo!
Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l’eternità.

ernesto62
Membro
Messaggi: 110
Iscritto il: dom 17 nov 2013, 20:52

Re: Dieta e tumore prostatico

Messaggio da ernesto62 » mar 26 giu 2018, 11:53

Complimenti Solidea . Grazie per la stima che ricambio . Come ti capisco si quello che dici. È vero tutto. A me quello che mi lascia stupefatto è che l' uomo è un paradosso , e hai detto bene ...accetta tutti i tipi di veleni per curarsi ma non accetta perché gli viene inculucato come un lavaggio del cervello le soluzioni che madre natura gli dà, e anzi degrinandone con arroganza senza sapere . Non ci vuole molto a capire in che direzione stiamo andando ormai da tempo.. tutti malati, già appena tocchi la soglia dei 40 - 50 anni. Se questo è il sistema di vita che si allunga allora siamo proprio messi bene eh? Io vedo che l' unica cosa che si allunga sono i profitti e i guadagni Delle industrie farmaceutiche. Oggi stesso ho dovuto comprare una confezione di pillole da 14 pezzi per la ripresa sessuale dopo intervento chirurgico prostactemia fatto poco meno di 2 mesi fa e prezzo di 78 euro pagato in farmacia aumenta il mio astio nei confronti di questo sistema marcio e corrotto dove quello che conta è il lucrare. Non mi interessa se qui qualcuno mi fa in qualche mode Delle critiche , ma io ho un cervello e una intelligenza per vedere ,valutate e capire. Il giorno che la medicina occidentale farà veramente gli interessi della gente e cioè avere a cuore la salute di esse sarò il primo a crederci ma oggi io non mi genuofletto di certo a tutto questo . Mi parlavi della vitamina D ...eccome se è importante, previene i tumori e un sacco di malattie e si è visto che con l' aumento della vitamina D di ha una decrescente estensione dei tumori in atto . Tu pensa che qualche mese fa ho fatto richiesta al medico di famiglia di prescrizione esami del sangue tra cui ho fatto inserire la vitamina D e lui mi ha chiesto per quale motivo e addirittura mi ha detto che sono un fissato anche quando gli ho spiegato che questa vitamina mi occorre per tante prevenzioni guardandomi basito . Stendiamo un velo pietoso . La pratica persona a cui tocca prendersi cura della salute sta a noi stessi . Mi parlavi che in ospedale nel reparto oncologico hai visto che davano bevande zuccherate. Bè ,non mi dici niente di nuovo ,poiché ho visto pure io le stesse identiche cose dove sono stato ricoverato. Il bello è che la PET un esame che indaga dove sono in sito i tumori dentro il corpo usano il mezzo di contrasto che altri non è che una sostanza zuccherina che poi per l' appunto le cellule cancerogene avendo recettori sensibili per la cattura dello zucchero più potenti di circa 20 volte Delle cellule normali il mezzo di contrasto si va a depositare su quelle cellule e così scoprono i tumori . È chiaro e lampante come il sole quindi no,? Il cancro trae nutrimento da sostanze zuccherine e tu medicina moderna cosa fai? Mi nutri il tumore. C'è da restare allibito .... Cose che anche un bambino li capisce. Bo? Il problema è che la gente non sa, ignora e chi lo sa è talmente drogato da questo sistema che non solo non accetta la realtàa questa realtà la difende a spada tratta. Né più né meno del film Matrix

ernesto62
Membro
Messaggi: 110
Iscritto il: dom 17 nov 2013, 20:52

Re: Dieta e tumore prostatico

Messaggio da ernesto62 » mar 26 giu 2018, 12:04

A proposito per la dieta riferita alla prostata mi ero dimenticato che nella fattispecie può essere utile il melograno e/o il suo succo per l' acido ellagico che è nei suoi nutrienti e principi attivi. Recenti studi hanno constatato che wuesto acido manda in apoptosi le cellule tumorali prostatiche. Vanno anche bene per la prostata i semi di zucca decorticati ricchi di zinco , è un toccasana per la capsula ,poiché questo.minersle ha massima concentrazione dentro proprio la prostata ed esso serve per una buona salute della stessa . I tumori sono figli di un processo
di infiammazionii che porta stress ossidativo da cui prendono origini ... Quindi è chiaro bisogna disinfiammare per rompere questo circolo. Di certo se ho un fuoco invece di gettare benzina ( cioè cibi che aiutano il cancro )cercherò di gettare acqua per spegnere ( cibi ritavilizzanti alcalini )

maddalena
Membro
Messaggi: 772
Iscritto il: mer 11 giu 2014, 15:05

Re: Dieta e tumore prostatico

Messaggio da maddalena » mar 26 giu 2018, 15:28

Salve ,
Solidea e Ernesto .
Appoggio quanto è stato descritto sull'argomento.
Mio marito ha seguito un stile alimentare quasi del tutto vegano ( pesce due tre volte la settimana ... per grassi omega3 )per tre anni circa .... seguiti da una Dott.sa Natutopata.
Scegliemmo ciò non per aspettarci un miracolo e scomparisse il cancro ... no .... ma per cercare di rallentarne la progressione. Con questa alimentazione ristretta nella varietà di cibi

maddalena
Membro
Messaggi: 772
Iscritto il: mer 11 giu 2014, 15:05

Re: Dieta e tumore prostatico

Messaggio da maddalena » mar 26 giu 2018, 17:01

Salve ,
Solidea e Ernesto .
Appoggio quanto è stato descritto sull'argomento.
Mio marito ha seguito un stile alimentare quasi del tutto vegano ( pesce due tre volte la settimana ... per grassi omega3 )per tre anni circa .... seguiti da una Dott.sa Natutopata.
Scegliemmo ciò non per aspettarci un miracolo e scomparisse il cancro ... no .... ma per cercare di rallentarne la progressione. Con questa alimentazione ristretta nella varietà di cibi devo però confermare che i valori riscontrati dopo ogni volta che si sottoponeva ai prelievi del
sangue erano sempre perfetti . Dopo il secondo intervento che affrontò lo scorso hanno per asportazione residuo del pancreas e cioè ecefalopancreatectomia totale più gastrectomia subtotale , la ripresa post operatoria a sorpresa della nutrizionista della clinica , fu ottima rispetto
ai tanti casi di pazienti dove la ripresa richiede mesi e mesi per alimentarsi e riprendere le forze. Ripeto che non credevamo in una scomparsa del tumore ma in un rallentamento nella crescita visto che eravamo a conoscenza che al primo intervento il 7 aprile 2011 al corpo coda
pancreas e milza su 50 linfonodi 7 erano già
intaccati da malattia e quindi si sarebbe ripresentata . Dopo un anno e mezzo ai due lobi polmonari si formarono noduli che arrivati alla misura oltre il cm vennero trattati con radio chirurgia stereotassica a IEO.
In questa sfortuna possiamo dire che si ha avuto il tempo per intervenire . Non è facile la vita così purtroppo ... lui con tumori e io con depressione da anni .... Beh ... io credo davvero che un'alimentazione priva di grassi , insaccati , carni , formaggi ecc... abbia influito positivamente sulla malattia . Da più esperti del caso ,chirurghi e non , ho sentito ripetere che la sopravvivenza per L'
ADK al pancreas non va oltre i cinque anni .... son felice in parte che sia andata così .... ma che tristi e pesanti esperienze abbiamo dovuto affrontare e ancora ora .
Dopo la chemio di sei mesi dopo l'asportazione di tutto il resto del pancreas duodeno cistifellea e stomaco ... ne ha risentito fisicamente e nel frattempo anche stanco ha lasciato lo stile alimentare prescritto .... Due mesi dopo chemio ai controlli ... la malattia ....già si è presentata mutata ,perché più aggressiva ,abbracciata al Tripode celiaco .... la chemio ,dalla durata di tre giorni, è parecchio debilitante. È insulino dipendente 5 ,6 al di...Farmaci parecchi da assumere.... oppiacei per dolori causati dalla massa solida tumorale che spinge al peritoneo e al rachide dorsale.
Vedremo la TC prevista a luglio .... che dire ...
Io sono convinta che questo lungo percorso di malattia ... è stato tale perché uno stile alimentare adeguato ha parecchio contribuito .
Anch'io anni fa comprai da leggermi THE
CHINA STUDY ... è stato interessante e ...,stupefacente il percorso di studi e poi ricerche dell'autore C. CAMPBELL .
Un abbraccio con affetto 🤗

maddalena
Membro
Messaggi: 772
Iscritto il: mer 11 giu 2014, 15:05

Re: Dieta e tumore prostatico

Messaggio da maddalena » mar 26 giu 2018, 18:18

Ho un po' "pasticciato " mi scuserete?!...

Ci tenevo a contribuire all 'argomento ;
Alimentazione e Cancro anche se non cnon si tratta di tumore prostatico ma
pancreatico .
Per la maggiore mi sembrano simili .... poi mi correggerete .
Un saluto e un augurio

Solidea
Membro
Messaggi: 398
Iscritto il: gio 31 ago 2017, 18:04

Re: Dieta e tumore prostatico

Messaggio da Solidea » mar 26 giu 2018, 18:25

Grazie mille per la tua testimonianza, Maddalena, un abbraccio a te e un enorme in bocca al lupo per tuo marito.
Se hai bisogno noi siamo sempre qui.
Noi siamo come farfalle che battono le ali per un giorno pensando che sia l’eternità.

Alex.cr
Membro
Messaggi: 91
Iscritto il: dom 4 mar 2018, 21:01

Re: Dieta e tumore prostatico

Messaggio da Alex.cr » mar 26 giu 2018, 19:08

Sicuramente l'alimentazione è importante ma non è che bisogna credere a chiunque sia "contro il sistema" altrimenti arriviamo alle scie chimiche. Se vogliamo mettere in discussione tutto ok, ma qui mi fermo e lascio il campo agli esperti che non sono il sentito dire ma qualcosa che deve essere scientificamente rilevante e dimostrabile

Rispondi

Torna a “Tumore alla prostata”