Mi sento in colpa per non aver detto la verità...

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
mariasole
Membro
Messaggi: 82
Iscritto il: sab 23 apr 2011, 20:58

Messaggio da mariasole » mar 26 giu 2012, 2:59

Ciao a tutti, stasera come tutte le sere penso a Denis...e mi sento tremendamente in colpa, perché non gli abbiamo detto la verità sulle sue condizioni, lui si fidava di me ed io gli dicevo: fidati di me guarirai...non sopportavo vederlo piangere perché aveva paura di morire, l'ho fatto perché volevo sollevarlo un pò da quel peso, volevo fargli sparire dai suoi occhi il terrore della morte, spesso bastava un niente e mi illudevo anche io....sapevo come stavano le cose ma quell'illusione mi sollevava anche se per poco il cuore, mi sentivo più leggera.... Così pensavo se sono convincente con lui gli renderò tutto più semplice....volevo solo vederlo un pò più "sereno" ....saperlo l'avrebbe fatto morire prima....

Ma mi sento in colpa....mi manca, e non riesco a dimenticare il terrore nei suoi occhi!


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » mar 26 giu 2012, 3:21

Pure x me e' stato lo stesso, credevo pure io a quello che gli dicevo, mi dava un assurdo senso di sicurezza.. Ti capisco bene, Mariasole.

Ora quella sicurezza e' svanita, e' stata sommersa dalla grande tristezza del "dopo"..

Ti abbraccio.

Ho risposto al tuo scritto anche privatamente.

Un abbraccio ancora a chi si connette con questo prezioso forum


giulia1978
Membro
Messaggi: 102
Iscritto il: lun 27 feb 2012, 16:40

Messaggio da giulia1978 » mar 26 giu 2012, 12:34

Credo sia una cosa che facciamo un po' tutti in queste situazioni, soprattutto quando di fronte abbiamo una persona che non vuole avere altre brutte notizie e allora le diamo ciò che vuole anche se non è la verità. Mia madre è sempre stata una donna forte ma quando ha scoperto la malattia si è affidata completamente a me. All'inizio le dicevo tutto ma più mi rendevo conto che la situazione era disperata e più le omettevo la realtà. Quando ormai avevo capito che non c'erano più speranze ho obbligato anche gli altri, pure i medici, a mentire (E così un viavai di bugie, dolori dovuti all'occlusione causa del precedente intervento e non dal tumore, le lastre che non si vedevano mai bene, ect. Mi sentivo terribilmente in colpa ma sapevo anche che non avrebbe retto alla verità nuda e cruda percui la seguivo ovunque con la mia panciona (ero incinta). E come un medico che non conoscevo cominciava a enunciare la sua diagnosi, intervenivo io con le parole benefiche sulla cronicizzazione di una malattia che potevamo portare avanti per chissà quanto tempo, perché intanto la ricerca sarebbe andata avanti e avevamo ancora tante cure da provare a disposizione, così anche il medico seguiva la mia facile strada per non dire una bugia e come dicevo sempre "addolcirle la verità". Il fatto era che sapevo bene che non avrebbe visto l'estate. Ma come dirlo? Io lo avrei voluto sapere al posto suo? NO. Avrei tanto voluto essere ignorante in questa situazione. Non sapere nulla, niente diagnosi, tempi, evoluzione dei tumori e invece troppe persone avevo già visto morire di questo male... Linetta, MariaSole AVETE FATTO BENE! E se qualcuno vi ha detto il contrario perché è giusto che uno sappia, per decidere della sua vita, dei suoi ultimi momenti, delle sue cure ect ect Bè, quel qualcuno forse non si è chiesto cosa volevano veramente i nostri cari. Bastava guardarli negli occhi per capirlo e noi gli abbiamo dato SERENITA' come avete detto pure voi.

Vi abbraccio forte forte.


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » mar 26 giu 2012, 12:47

Grazie Giulia, in effetti trovo che sia umanamente inaccettabile sapere di avere una malattia che non solo non ti lascerà scampo ma che ti darà giornate interminabili di dolori atroci.. I dolori forse li sopporti di più se non sai..

Grazie cara Giulia, buona giornata

Un abbraccio a tutti


marilu
Membro
Messaggi: 4
Iscritto il: ven 22 giu 2012, 19:48

Messaggio da marilu » mar 26 giu 2012, 15:14

Le vostre non sono bugie, sono un atto d'amore, perchè sarebbe stato più "facile"per la vostra coscienza dire tutta la verità ai vostri cari e scrollarvi di dosso una realtà così amara. Vi assicuro, anche se così può non sembrare, l'ultima cosa che un malato di cancro vuole sentirsi addosso è la sua inesorabile condanna. Un barlume di luce nel buio totale che ci circonda è ESSENZIALE per una vita sopportabile e per affrontare le cure dovute. La serenità è fondamentale per l'efficacia della terapia e quindi per affrontare positivamente il resto dei giorni circondati dall'amore dei propri cari!Un abbraccio.


mariasole
Membro
Messaggi: 82
Iscritto il: sab 23 apr 2011, 20:58

Messaggio da mariasole » mar 26 giu 2012, 22:43

Grazie Linetta, grazie Giulia, grazie marilu...le vostre parole mi fanno sentire meno in colpa...voi capite di cosa parlo, è già questo è un gran conforto! Grazie a tutte e un abbraccio!


mariasole
Membro
Messaggi: 82
Iscritto il: sab 23 apr 2011, 20:58

Messaggio da mariasole » mar 26 giu 2012, 22:48

Ps...un mese e mezzo prima di morire Denis mi chiese di sposarlo, mi propose il 24 giugno 2012...era agosto...come avrei potuto dirgli che lui non sarebbe mai arrivato a giugno!? È morto dopo qualche mese il 4 ottobre!


camaluda
Membro
Messaggi: 25
Iscritto il: mar 22 nov 2011, 2:58

Messaggio da camaluda » mer 27 giu 2012, 1:35

Questo è il prezzo che dobbiamo pagare per averli amati?


GIUSEPPE
Membro
Messaggi: 734
Iscritto il: gio 14 ott 2010, 20:26

Messaggio da GIUSEPPE » mer 27 giu 2012, 2:51

In questa sede viene affrontato un delicatissimo argomento. Al riguardo io mi sono trovato dall'altra parte e cioè dalla parte di chi ha un cancro. Sin dall'inizio sono stato informato, è nata in me una grande voglia di conoscere questa grave malattia, ho letto diversi libri, mi sono sottoposto al trattamento chemioterapico. Ho conosciuto altre persone con il cancro e ho condiviso il comportamento: alcune hanno preferito non essere informati delegando i propri familiari, altre hanno voluto avere soltanto qualche informazione, alcune addirittura sapevano e facevano finta di non sapere,ecc. Da ciò traggo la conclusione che ognuno vive questi difficilissimi momenti in maniera differente. E' importante cercare di non farsene una colpa, non si tratta di risolvere un problema di matematica!!

Così scrive Claudio Magris"quello della comunicazione al malato della verità delle sue condizioni e dei modi e delle forme con cui si può e si deve fornigli questa comunicazione che riguarda l'essenza della sua vita e della sua morte - viene vissuto conretamente dal singolo individuo, dalla singola famiglia, sulla propria pelle e sulla propria carne".

Porgo un caro abbraccio a Camaluda,Mariasole,Marilu, Linetta.


linetta
Membro
Messaggi: 1892
Iscritto il: mar 15 mag 2012, 23:41

Messaggio da linetta » mer 27 giu 2012, 2:54

Ciao cara Camaluda,

il prezzo e' alto perché sopravvivere a chi abbiamo amaro e' innaturale. Ma lo stesso non ci avrei rinunciato così come sono sicura non avresti rinunciato anche tu... In quei momenti x fortuna non ci si pensa, magari ci pensano "gli altri", quelli che stanno al di fuori e non sono coinvolti, chi lo sa.

Ciao cara Camaluda ti abbraccio, ti ho letta spesso... Ho letto molte di voi anche "prima" ed ora considero una gran bella cosa avervi trovate...

Linetta


 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”