Dover morire a 24 anni

In questa stanza è possibile dare parola a ciò che si vive come paziente, familiare, amico, condividendo la propria esperienza ed esprimendo le proprie emozioni in un clima di accoglienza, fiducia e rispetto.
Rispondi
JigokuShojo
Nuovo membro
Messaggi: 1
Iscritto il: mar 14 mar 2017, 20:55

Dover morire a 24 anni

Messaggio da JigokuShojo » mar 14 mar 2017, 21:13

Buongiorno a tutti,

vi scrivo perché vorrei condividere il mio dolore e magari ricevere consigli. Non riesco a trovare nessun forum o articolo che parli di malati terminali di cancro in questa fascia di età.
Il mio migliore amico, compagno eterno di avventure, ragazzo splendido, con una forza incredibile, ha un tumore maligno, intrattabile.
I medici dicono che non compirà 25 anni, non è trattabile. Solo cure palliative.
Adesso lui sta bene, è tornato a casa dopo un ricovero, ma i parenti non gli stanno dicendo la verità.
Ora... lui non è stupido. Non è stupido e credo sia profondamente ingiusto tenergli tutto nascosto. Io credo che abbia il diritto di sapere, per poter decidere cosa fare in questo tempo (pochissimo) che gli resta. Dichiararsi alla ragazza che gli piace magari, fare il viaggio che desidera finché può... Ma non sta a me giudicare i motivi dei parenti. Io sono con lui ogni giorno.
Vorrei svegliarmi domani e scoprire che è tutto un brutto sogno, ma ho i piedi ben piantati a terra e sto vivendo il mio lutto. Ne parlo molto a chi non lo conosce, cerco di buttare fuori tutto il veleno.
Il mio è solo uno stupido sfogo di una persona che ama molto un amico. Il suo migliore amico. Mi rendo conto che gli altri si allontanano da me. Da me, assurdo. Solo dire: tumore, morte, terminale... tanti non vogliono sentire. Ho lasciato il ragazzo che frequentavo (di 35 anni), perché non voleva supportarmi e ascoltarmi.
Il peso che porta chi sa è terribile. Mi sento schiacciata in alcuni momenti per l'isolamento che il solo parlare di tumore, anche in modo vago, anche solo per informare qualcuno della situazione, dei miei sbalzi di umore, per far capire cosa succede, può creare.
Odio che mi si dica: stai male? beh, pensa lui! Ovvio. Lui è la priorità. Ma se io ho bisogno di sfogarmi, di piangere in privato o su una spalla amica, è forse un reato?
Scusate lo sfogo. Non so se per voi a senso. Io sono forse troppo giovane e troppo immatura per affrontare questo nel modo giusto. Se volete rispondermi vi ringrazio. Sono confusa. A volte mi sento un'egoista, a volte pazza, a volte solo addolorata.

Se state vivendo lo stesso, vi abbraccio, davvero. Se invece state leggendo questo messaggio per caso, cercate di ascoltare anche chi non è malato ma porta un peso grande. La malattia, la morte, il dolore, sono anche di chi sta attorno. Non lasciate solo il malato, ma nemmeno chi lo circonda.

Fabio75
Membro
Messaggi: 301
Iscritto il: sab 23 apr 2016, 7:30

Re: Dover morire a 24 anni

Messaggio da Fabio75 » mar 14 mar 2017, 21:57

Ciao, sono colpito da ciò che scrivi e me ne dispiaccio moltissimo. Io sto vivendo la malattia sulla mia pelle e vedo mia moglie affrontarla con me, soffrire per me e con me senza lasciarsi andare a sfoghi di nessun genere, se non molto raramente, ma piuttosto rimboccandosi le maniche per fare tutto quello che c'è da fare. Questo per dire che condivido quello che dici sull'aiutare anche chi sta accanto ad un malato perchè senza queste persone speciali che sono i nostri partner, i nostri figli e i nostri genitori e gli amici, noi malati non potremmo mai far tutto quello che facciamo e lottare con tutte le nostre forze. Se vuoi qui puoi sfogarti, capisco la tua disperazione per la malattia del tuo amico. Anch'io persi amici giovanissimi a causa del cancro, una compagna di scuola di 15 anni ed uno dei miei migliori amici che ne aveva 23. Per non parlare di mio zio che ne aveva 35 e molto recentemente un'altra amica di soli 30 anni. Quindi so cosa si prova anche dall'altro lato. Poi dici che il tuo amico non sa tutta la verità: fossi in te parlerei chiaro con i suoi genitori perchè non è giusto tenere nascoste queste cose ad un adulto anche se potrebbero rivelarsi scioccanti, anche se poi in fondo in fondo credo che lui capisca la situazione che sta vivendo. Detto ciò, aggiungerei che non è detto che le previsioni dei medici si avvereranno esattamente nei termini da loro indicati, bisogna sempre lasciare la porta aperta alla speranza, d'altronde i medici non hanno la palla di cristallo e quindi io tendo a diffidare dei loro scenari, tipicamente molto pessimistici. Ma è importante che tu ne parli con i suoi genitori. Scusami se sono logorroico, ma vorrei spronarti a cercare qui il conforto ed il sostegno morale ed emotivo che cerchi e di cui hai bisogno. Un abbraccio forte.
"Il Signore ti custodirà da ogni male:
egli custodirà la tua vita." Sal 121, 7

Anna R.T.
Membro
Messaggi: 7
Iscritto il: ven 27 mag 2016, 17:52

Re: Dover morire a 24 anni

Messaggio da Anna R.T. » lun 20 mar 2017, 9:46

Ciao, mi ha colpita molto il tuo messaggio perchè condivido con te il difficile ruolo del familiare/amico di un malato di cancro. Credo che i genitori del tuo amico abbiano fatto bene a nascondergli la verità per evitare al figlio di sentirsi " a scadenza" e non infliggergli l'amaro della consapevolezza. Se avesse effettivamente voluto sapere la verità, avrebbe potuto attingere direttamente alle fonti di informazione (medici, referti etc). Credo che sia più duro ma anche più giusto per chi sta accanto ad un malato terminale "fare il teatrino" e regalare ancora momenti di serenità. Quando la situazione precipiterà, ci sarà tempo per rivelare le reali condizioni. Sono convinta che sapere la verità non ti dia l'occasione di sparare le ultime cartucce e di soddisfare gli ultimi desideri ma ti faccia iniziare un conto alla rovescia che, psicologicamente, ti devasta e ti demotiva. A mia madre, un anno fa,hanno dato max 2 mesi di vita per un colangiocarcinoma. Con delle terapie biologiche e con tanto amore da parte nostra è ancora viva, autonoma, vive da sola , fa ripetizioni di latino e cucina per un esercito...

roslele
Membro
Messaggi: 43
Iscritto il: gio 28 lug 2016, 23:48

Re: Dover morire a 24 anni

Messaggio da roslele » gio 23 mar 2017, 22:12

Ciao, ho perso mio marito il 2 settembre 2016, quando a gennaio 2016 un medico con il tatto di un elefante mi disse che mio marito aveva pochi mesi di vita e che lui avrebbe voluto informarlo perchè a suo avviso era giusto sapesse che la sua vita era giunta al capolinea io mi opposi...e penso di aver fatto bene, perchè lui solo a luglio quando il tumore aveva finito di divorarlo ha ceduto e non ha più combattuto, ormai le bugie non avevano più senso...ma sono sicura che se a gennaio avesse saputo che doveva morire sicuramente non avrebbe sopportato le cure palliative e nemmeno cercato di sforzarsi di mangiare, ne di fare i pochi passi con la ciclette nella speranza di ritrovare il tono muscolare delle gambe...penso che i genitori del tuo amico abbiano fatto bene a tacere la verità e capisco la loro sofferenza come capisco la tua, l'ho provata ...ma poi ci si illude fino alla fine che arrivi il miracolo ...sotto sotto rimane quella piccola brace di speranza che si spegne solo quando arriva la fine.....cerca di stare vicino al tuo amico di godertelo....e sopratutto fa in modo che quando la malattia lo renderà irriconoscibile (perchè purtroppo il cancro è una bestia che toglie dignità e trasforma il corpo) i ricordi brutti non cancellino quelli belli...a me per un periodo e ancora oggi è successo cosi ....non riuscivo a ricordarlo sano ma solo quei lunghi maledetti mesi della malattia....

Solotu
Membro
Messaggi: 384
Iscritto il: sab 19 mar 2016, 21:44

Re: Dover morire a 24 anni

Messaggio da Solotu » ven 24 mar 2017, 20:06

certo Roslele hai fatto bene ad opporti! Ma come si fa a dire a una persona che DEVE MORIRE con qualel coraggio questi medici che a volte somigliano più a dei macellai osano distruggere le speranze di un essere umano. A mio marito hanno sempre dato la speranza anche quando era finita
La sofferenza imbarazza coloro che hanno la fortuna di non conoscerla e condiziona la vita di chi deve affrontarla

Tuttosbagliato
Membro
Messaggi: 8
Iscritto il: sab 7 gen 2017, 15:55

Re: Dover morire a 24 anni

Messaggio da Tuttosbagliato » sab 25 mar 2017, 22:19

Purtroppo la sofferenza spaventa moltissimo le persone, che non vogliono prendersi sulle spalle sofferenze altrui, in questo caso le tue sottoforma di sfogo per il male del tuo migliore amico. So invece che avere qualcuno che ti stia ad ascoltare, semplicemente, attentamente, è un balsamo per chi ha il cuore e l'anima in pezzi, ma le persone in genere non hanno questa forma di generosità, è bene che tu te ne faccia una ragione, sapendo però che qualcuno di diverso esiste, se incontri una persona così, diversa in questo senso, tienitela ben stretta, che sia un amico o un compagno di vita: sono rarità.
Perché accadono questi mali? Ce lo chiediamo solo quando ci capita di averne a che fare; in fondo penso anche che sia giusto, se passassimo tutti i giorni a pensare a tutti i mali che affligono il mondo non avremmo più la forza, o la voglia, di vivere. Allora bisogna cercare di vedere il meglio che la vita ci può offrire. Io ho rischiato di morire per una emorragia cerebrale a 24 anni, per una MAV non trattabile, con cui convivo costantemente, e che ogni giorno potrebbe mettere fine alla mia vita. Ne sono consapevole ma allo stesso tempo non ci penso: da poco ho riscoperto una famosa frase di Lorenzo de Medici: <<Chi vuol essere lieto sia, di doman non v'è certezza>>. Non c'è nulla di più vero. Quando si può, quando le circostanze non lo rendono troppo difficile, abbiamo il dovere di cercare letizia, leggerezza, lo dobbiamo alla nostra vita e a quella delle persone che amiamo e che ci amano.
Decidere se il tuo amico debba sapere è un peso che dovranno accollarsi i familiari, anche se tu puoi dire loro la tua. Quando riuscirai a trovare in te forza e serenità sufficienti, quello che potrai fare e cercare di vivere e far vivere più momenti belli possibili al tuo amico, insieme: saranno un balsamo, e per lui e per te.

Sfogati tutte le volte che vuoi, almeno qui sei libera di farlo. Qualcuno che ti legge e che ti scrive è facile che lo trovi.
Un saluto

Paolo2176
Membro
Messaggi: 6
Iscritto il: dom 26 mar 2017, 23:19

Re: Dover morire a 24 anni

Messaggio da Paolo2176 » lun 27 mar 2017, 5:40

Ti capisco, a me capita con mia nipote di 13 anni a cui è stata diagnosticata una Leucemia acuta ad alto rischio, è difficile pensare che a questa età ci sia il rischio concreto di non farcela, pero' mi sento di dirti di non disperare mai, la nostra Aurora, che consce tutto della sua malattia, sta affrontando una terapia sperimentale sperando di trovare un donatore per il trapianto di staminali, anche la sua prognosi è infausta ma NOI NON MOLLIAMO MAI. Pero' mi sento di dirti che è necessario che il tuo amico conosca la diagnosi per poter lottare con tutte le forze e cercate cercate presso i centri di ricovero e ricerca, non fermatevi al primo parere. Ti sono vicino.

Luis
Membro
Messaggi: 12
Iscritto il: gio 23 mar 2017, 20:15

Re: Dover morire a 24 anni

Messaggio da Luis » lun 27 mar 2017, 13:49

Che destino disumano, non ci sono parole, non c'è retorica che tenga, una Vera Tragedia!
Per quanto riguarda il voler far sapere il verdetto tremendo di poco tempo, per quanto mi riguarda non lo vorrei mai far sapere, penso che dando la scadenza a una persona la uccidi nel momento stesso che lo viene a sapere, ovviamente sto pensando mettendomi nei panni di una persona che ha un male cosi.

Life91
Membro
Messaggi: 8
Iscritto il: gio 30 mar 2017, 11:28

Re: Dover morire a 24 anni

Messaggio da Life91 » gio 30 mar 2017, 12:35

Sii fedele a te stessa. A volte è difficile, perché sentirsi allontanati, sentirsi soli ci fa vacillare e tanto anche. Io non so cosa dovresti fare, cosa sarebbe giusto fare. Come mi ha detto mia zia, in questi casi, non c'è un'ottimale. Perdiamo energie nel rimuginare su cosa e come farlo. Certo dobbiamo stare attenti, perché ogni volta che siamo coinvolti, ci mettiamo le nostre debolezze, le nostre aspettative, i nostri vissuti in quello che dobbiamo fare. Al di là di ciò che è giusto e ciò che non lo è, tu che lo conosci, sarebbe buono per lui sapere ciò che hanno detto i medici?
Siamo coetanei e leggere di un ragazzo della mia età che sta attraversando questa situazione mi fa sentire piccolo piccolo ed estremamente fortunato, nonostante anche mio padre stia affrontando la battaglia del cancro.
Io ci sono, anche in privato, se dovesse servire.

Ti abbraccio.

 


  • Discussioni correlate
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Rispondi

Torna a “Raccontiamoci”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Bing [Bot] e 11 ospiti